Un adorabile matrimonio rétro in bicicletta durante il Giro d’Italia

La sapete disegnare una bicicletta a memoria, o finireste anche voi per creare una specie di astronave? Dopo aver letto quest’articolo mi sono messa all’opera con una matita spuntata sentendomi addosso la responsabilità di varie generazioni, perciò sono rimasta un po’ sconcertata quando ho visto che, soddisfatta com’ero del mio disegno e dei vari dettagli come i freni ed il portapacchi, avevo dimenticato di mettere alla mia bici.. i pedali.
Sono cresciuta in una famiglia in cui “Onzi la bici” era, oltre che causa di infiniti lazzi filologici, un trofeo rispettato, e dire che mio zio lavorava con Moser era motivo di vanto. E’ stato mio zio a girarmi le gambette sui pedali di quel primo triciclo quando ancora non sapevo mettere un piede davanti all’altro, e poi l’Atala Cross su cui ho imparato ad andare senza rotelle, la Graziella da portare in vacanza (organizzando spedizioni di ricerca con 40 amici ogni volta che ce ne rubavano una), la prima mountain bike seria con cui mi sono spaccata la testa, la city bike con cui portavamo in giro i gatti nel cestino la domenica.
La mia infanzia e adolescenza sono scandite, più ancora che dai compleanni, dalle bici che mio zio mi portava.

Mentre il concetto di lusso cambia, anche l’arrivo al matrimonio su bolidi rombanti inizia a sembrarci un po’ cafone, e la vera ricchezza è liberarsi a volte della schiavitù dell’automobile per una vita meno dedicata all’apparire e più alla sostanza, al gioco ed alla spensieratezza. E se per il tema di nozze l’idea migliore è sempre farsi ispirare dalle proprie passioni, in tempo di scelte eco chic il via libera alla bici è garantito. Perfino per le star come Solange Knowles!


E poi, diciamoci la verità, cosa c’è di più simpatico di un arrivo in bicicletta?

 Il bello di questo tema è che è possibile coniugarlo in varie forme, lasciandolo sempre a servizio della cerimonia e non l’inverso, come spesso si rischia in caso di temi troppo forti. Una bicicletta si adatta alle decorazioni, al tableau de mariage, alle bomboniere, alle foto degli sposi.

Se poi desiderate un matrimonio country chic, niente è più adatto di una bicicletta (a parte forse un trattore). E se invece puntate sullo stile rétro, un tandem sarà un ricordo indimenticabile per voi e per i vostri ospiti.

 L’ultima volta in cui ho visto mio zio non pedalava più da tempo, ma ricordo che con gli occhi, solo con gli occhi, cercava ancora i paesaggi, i pendii che percorreva quando partiva da Trento in bicicletta per venirci a trovare al mare. La bicicletta, un po’ come il treno, è un modo di vivere e guardare le cose.
E mentre piangevamo la sua mancanza è stato proprio Moser che, tratteggiandolo in poche parole, l’ha riportato fra noi con la sua allegria contagiosa, come nella foto in cui sembrava canzonarci bonariamente tutti. “Ma va là”, ero sicura che dicesse.
E dato che il Trentino è patria di molti ciclisti e cicloamatori, la regione ha creato questa simpaticissima pubblicità che racconta la storia di una sposa in bicicletta. Già che ci siete, non dimenticate la colonna sonora!
Una bicicletta in una cerimonia può coinvolgere sia gli amici più giovani (che magari avranno voglia di accompagnarvi), sia i più pronti a rimpiangere i “bei tempi andati”.
Non è che un pezzo di ferro, è vero, ma può anche essere una parte della tua famiglia e della tua esistenza, di gite, cadute ed imparare a correre controvento. Quella prima bici, anche quando non c’è più, ti rimane dentro, non ti lascia più, come un ricordo dell’infanzia senza cui potresti non essere lo stesso. E uno sconosciuto può arrivare all’improvviso, dire due parole e riattaccare alla tua bici i pedali.

Retro Wedding on Bike - Matrimonio Rétro su Bicicletta
Per altre idee su un matrimonio rétro in bicicletta, sbriciate questa adorabile gallery. E non dimenticate di seguirmi su pinterest, facebook e instagram.

Matrimonio: un Tea Party letterario con Jane Austen

Literary Tea Party Wedding Invitations - Partecipazioni nozze handmade

L’incontro con Silvia e Giorgio era sul sentiero del destino: quando ci siamo visti la prima volta Silvia mi ha detto “Ho subito saputo di voler lavorare con te, però ho provato qualcun altro prima per via della distanza. Ad un certo punto ho capito che non era la persona giusta per noi, quella eri tu, e così eccoci qui.”

Jane Austen Wedding

Lavorare insieme a loro è stato impegnativo, sono arrivati in estate ed abbiamo dovuto concentrare in pochi mesi molto lavoro, ma mi ha permesso di allentare il guinzaglio a cui a volte tengo legata la mia immaginazione per non imporre i miei gusti su quelli degli sposi, dato che in questo caso coincidevano. E’ stato perciò facile entrare in sintonia con i loro desideri, ed è stata una dolce soddisfazione aiutarli ad avere il matrimonio dei loro sogni in così breve tempo. 

5a037092d3b49eb2b34458cb2b411f94

Sì, perché il tempo è l’unica cosa che ci è mancata, e qui va il mio consiglio n.1: se desiderate un matrimonio con un tema particolare che faccia da filo conduttore a tutta la giornata e che si applichi ai minimi dettagli con eleganza, ricordate di iniziare presto per non dover ridurre le vostre opzioni.

Secret Garden Partecipazioni Nozze shabby

Le loro passioni sono risultate subito chiare: il romanticismo vittoriano di Jane Austen, la lettura, il vintage ed i fiori. Con un certosino lavoro di ricerca e tantissime prove siamo perciò riusciti ad inserire tutti questi elementi nel design della cerimonia. A partire dalle partecipazioni, pazientemente intagliate e lavorate a mano una ad una per accogliere da subito gli ospiti in questo giardino segreto.

Secret Garden Partecipazioni Nozze shabby

Consiglio n.2: suggerisco spesso ai miei sposi di variare un dettaglio esterno in caso di inviti diversi, o di inviti e annunci singoli, per evitare confusioni durante la distribuzione. Silvia e Giorgio hanno deciso per due buste differenti: nel primo caso un caldo avana non riciclato, che evoca altri tempi e profumi, mentre nel secondo caso un pregiato avorio martellato hanno accompagnato la texture lino e rose della partecipazione.

Secret Garden Partecipazioni Nozze shabby

Secret Garden Partecipazioni Nozze shabby

E qui va il mio consiglio n.3: i colori per un matrimonio vintage letterario sono tenui, spesso sui toni neutri caldi o grigi, accompagnati da dettagli e da composizioni floreali pastello.

7a013ce6a7f9a290d2a5e669a3efd853

Anche i sacchettini portaconfetti hanno sposato le tematiche, sia nel motivo floreale che nei toni neutri e delicati.

Emma favor cards - bigliettini bomboniere Emma

Una delle soddisfazioni maggiori, nel lavoro del wedding designer, è sentirsi rispondere dal cliente “Hai colto perfettamente quello che stavo cercando!”. E infatti, per il consiglio n.4: non importa che abbiate limiti di budget o di location, quello su cui non dovete avere dubbi è la sintonia con chi si occupa di voi. Se non siete soddisfati cercate ancora, e non fermatevi finché non sentite di parlare con qualcuno che vi capisce e può darvi quello che desiderate. A costo di fare come Silvia e Giorgio che, per la cerimonia dei loro sogni, hanno abbandonato un progetto a metà che non li convinceva, preferendo chi sentivano affine.

Sacchettini portaconfetti - italian almonds favors

E’ a questo punto che ho iniziato la produzione di tanti fiori di carta, tutti realizzati a mano, che hanno infestato le stanze come una ventata improvvisa di primavera. Il mio consiglio n.5 è di preferire sempre l’handmade, quando avete richieste particolari e personalizzate, in modo che la vostra festa non somigli a nessun’altra. Siate prima sicuri, però, che sia di qualità e non un semplice fai da te.

Fiori handmade per decorazioni e bomboniere

Le bomboniere non si sono distaccate dal resto nei toni e nello stile shabby un po’ antico, con prodotti del territorio per viziare i loro ospiti fino in fondo.

Bomboniere olio confezionate a manoBomboniere olio confezionate a manoBomboniere olio confezionate a mano

Arriviamo ora alla mia parte preferita: come segnaposto per ogni invitato ho creato questi segnalibri vintage e romanticissimi con citazioni tratte principalmente dalle opere di Jane Austen, per la gioia di Silvia che, non sapendone scegliere una, le ha volute tutte, per tanti segnalibri diversi fra loro e personalizzati.

Segnalibro Matrimonio Jane Austen - Jane Austen Wedding Bookmark

Il libro che vedete nelle foto mi è stato regalato da Silvia per ringraziarmi, che significa aver imparato a conoscermi almeno un po’, ed avermi dato uno dei regali più preziosi che mi si possa fare. Il carattere usato nei segnalibri è la vera calligrafia di Jane Austen, giacché è nei dettagli che si vede la differenza fra un lavoro buono ed uno prezioso.

Pemberley Wedding

Mentre li creavo, scegliendo brani dalla mia libreria e colorando fiori e silhouette antiche mi sembrava davvero di respirare l’aria del parco di Pemberley o dei pic nic ed i capricci di Emma; forse chissà, esiste un metodo Stanislavskij anche per le creazioni fatte a mano, che ci porta a lasciare una parte di noi nel nostro lavoro, e del nostro lavoro in noi.
Se è così, significa che una parte di me è rimasta in tutte le coppie che ho seguito, e forse è anche per questo che alcune di loro, alla fine del percorso, mi dicono che sembra loro di aver trovato un’amica.

Consiglio finale (n.6): le possibilità per queste tematiche sono molte, specie se avete scelto una location come Villa Pollini a Padova, che sembra uscita direttamente dalla penna di Jane Austen (guardate la confettata), e possono applicarsi ai centrotavola, alle decorazioni, al tableau:

Matrimonio letterario

Se desiderate altre idee potete vedere una raccolta di esempi per un matrimonio Austeniano qui, per un tea party un po’ vintage qui ed infine per un matrimonio lettarario e romantico qui. Non dimenticate, per avere sempre nuovi spunti, di seguirmi su Facebook, Instagram e Pinterest.

Secret Garden Partecipazioni Nozze shabby

Eleganza – Elegance

Gold Vintage Invitations

Per essere veramente eleganti non serve accumulare: bisogna sempre togliere qualcosa.

Gold Vintage Invitations

To be truly elegant there is no need to accumulate: you must always take something away.

Matrimonio Elegante Oro

La raffinatezza dei materiali e dei dettagli lavorati artigianalmente si sposano all’oro e spingono istintivamente a volerli sfiorare.

Gold Vintage Invitations

The fine materials and handcrafted details perfectly marry the gold and drive you to instinctively want to touch them .

Gold Vintage Invitations

Vintage Wax Seal Wedding

Vintage Wax Seal WeddingYou don’t need to be nostalgic to appreciate this timeless decorative accent! Wax seals leave a dramatic and lasting impression and can customize every aspect of your wedding, from the cake to the favors and invitations.
A wax seal is something you can totally diy, with a gun or traditionally. A good trick is creating the seals on a sheet of baking paper; let them dry, gently remove them and just glue them on the envelope.

Non avete bisogno di essere delle nostalgiche per apprezzare questa decorazione senza tempo! La ceralacca lascia un’impressione spettacolare e duratura, ed è in grado di personalizzare ogni aspetto del vostro matrimonio, dalla torta alle bomboniere alle partecipazioni.
La ceralacca può essere preparata facilmente con il fai da te, con una pistola a caldo o con il metodo tradizionale. Un trucchetto può essere quello di creare i sigilli su un foglio di carta forno, lasciarli asciugare e poi staccarli con delicatezza per incollarli semplicemente sulla busta.

Antique Invitation w Wax Seal - Partecipazione Antica con CeralaccaAntique Invitation w Wax Seal - Partecipazione Antica con Ceralacca

Antique Dusty Blue Invitation - Partecipazione Blu Antico Antique Dusty Blue Invitation - Partecipazione Blu Antico Antique Invitation w Wax Seal - Partecipazione Antica con Ceralacca

I only love the roses I did not gather

DSC02463_cfg

“I only love the roses
I did not gather. I only love the things
that could be and have never been..”

(Non amo che le rose
che non colsi. Non amo che le cose
che potevano essere e non sono state..)

DSC02510_cfg

This old poetry by Guido Gozzano reminds me of those memories you love because they are so far away that remain pure, because reality has nothing to do with them. They are dreams more than memories, they are possibilities. The road not taken.

Questa vecchia poesia di Guido Gozzano mi riporta alla mente quei ricordi che si amano perché sono così lontani da rimanere puri, perché la realtà non ha niente a che vedere con essi. Sono sogni più che ricordi, sono possibilità. La strada non presa.

DSC02466_cfg

The young boy you met at the seaside, the one that always looked at you and never talked. The toy you really wanted to get at Christmas. That’s why I love old things that have a story, and I love vintage decor.

Il ragazzino che hai incontrato al mare, quello che ti guardava sempre senza mai trovare il coraggio di parlarti. Il giocattolo che volevi davvero tanto ricevere a Natale. Questo è il motivo principale per cui amo le cose vecchie che hanno una storia, e adoro il vintage.

 

DSC02508_cfg

This is what you will find, mainly, in the Etsy shop I’m going to open: vintage cards, vintage invitations, vintage decorations. A world that no longer exists and, for this reason, has preserved its charm for our eyes so much clouded by modern smog.

Nel negozio di Etsy che sto per aprire è questo che troverete, principalmente: biglietti vintage, inviti vintage, decorazioni vintage. Un mondo che non c’è più e, per questo motivo, conserva intatto il suo fascino ai nostri occhi offuscati dallo smog moderno.