Stella di Natale – Il Tutorial più bello e una playlist per Natale

DSC_5481_tutorial

Non c’è niente da fare, le stelle di natale mettono tantissima allegria, e da sole riescono già a contagiare parte di quel calore che ci avvolge durante le feste. Io le adoro, perciò le regalo quando posso, e visto che quelle vere non mi bastano, ogni anno ne creo alcune a mano.
Se mi seguite da un po’ conoscerete già qualche mio vecchio tutorial… oggi, invece, sono qui per presentarvene uno nuovo! Nella rivista Ci piace cucinare di questa settimana (è bellissima, non sto scherzando, e costa solo 80 centesimi) trovate tutte le indicazioni (e il template) per creare queste stelle di natale per le vostre decorazioni natalizie, e a questo link trovate una playlist da ascoltare mentre le preparate… Per chi desidera canzoni per Natale che non siano le solite canzoni di Natale!

La leggenda narra che un bambino molto povero il 25 dicembre entrò in una chiesa per offrire un dono a Gesù nel giorno della sua nascita. Dal momento che si vergognava tristemente per quella sua piantina misera e incolore, una lacrima gli sfuggì e finì fra quei ramoscelli che un miracolo trasformò nel fiore più rosso e bello che i suoi occhi avessero mai visto.
Esistono altre versioni di questa storia molto bella, ma tutte partono da delle piantine povere o erbacce: e il bello è che, anche in questa versione, i materiali che potete usare sono tantissimi: solo in questa foto vedete carta, gomma crepla glitterata, pannolenci e anche pagine di un vecchio libro, perciò via con i materiali di riciclo per fare lo stesso miracolo!

Anche gli utilizzi sono molteplici… Qui vedete alcuni esempi per le vostre tavole delle feste, in particolare il portatovagliolo (perché non scrivere i nomi su una delle foglie, in modo che diventi anche un elegantissimo segnaposto?) Io le ho utilizzate anche sull’albero di Natale, per decorare i pacchetti e come fermatende. E l’effetto è assicurato!

DSC_5375_

Perciò cosa aspettate? Correte a comprare Ci piace cucinare, è una rivista fantastica e ho menzionato che costa solo 80 centesimi?
E ricordate di seguirmi su facebook e instagram, per idee sempre nuove.
Buone stelle a tutti!

Advertisements

Il VERO tutorial per le torte di pannolini in 19 passaggi – ovvero l’inferno di essere una crafter

A volte vengo rimproverata di non valorizzare il lavoro che sta dietro alle mie creazioni fatte a mano con tanto amore, perciò ho deciso di scrivere una guida pratica per creare una torta di pannolini come quella che ho postato ieri in facebook e instagram, che renda l’idea meglio dei tutorial proposti su youtube. Questo, all’incirca, è stato il mio procedimento:

Fiocco nascita handmade - ghirlanda bimba

1. Trascorrere intere giornate a cercare ispirazione tra foto e negozi di nastri fino ad essere guardata con sospetto dai commessi. Fare circa 856 prove per i colori, comprando dei campioni per ogni tipo, decidere la combinazione definitiva e un attimo dopo cambiarla per averne trovata una migliore. Rifiutare il primo consiglio di qualcuno che passa di lì.

2. Trascorrere una ventina di minuti nella corsia dei pannolini per scegliere marca e misure migliori fra le miriadi di proposte. Meglio da usare subito o più avanti?, disse Amleto.

3. Vagare per i negozi con aria sperduta fino a trovare una base abbastanza grande e rigida da decorare con il pizzo di carta. Lo stesso vale per i tubi da trovare nel giusto spessore, tagliare e incollare alla base per l’ossatura centrale della torta.

Torta di pannolini idea regalo - Diaper cake gift idea
4. Tornare a casa con scatoloni di materiale ed arrotolare i pannolini uno ad uno fissandoli con un elastico perché mantengano la forma. Ricordarsi di non aver comprato gli elastici e tornare fuori a prenderli.

5. Cercare il proprio polipo interiore e farsi crescere delle braccia aggiuntive per riuscire a sistemare il primo strato di pannolini e fissarlo con un nastro o un elastico più grande. Nel caso in cui non si riesca a produrre nuovi arti, farsi aiutare dalle braccia di qualcun altro.

6. Ripetere l’operazione per gli strati superiori. Rifiutare il secondo consiglio di qualcuno che passa di lì.

7. Cambiare di nuovo idea per le decorazioni, fare nuove prove ed andare a prendere nuovo materiale. Decidere che, laddove altri usano un semplice cartoncino, sia il caso di usare SETTE tipi di nastri diversi.

8. Dimostrare ormai apertamente le proprie manie per il controllo dei dettagli e decidere di cucire fra loro i nastri perché non si muovano di un millimetro di loro iniziativa.

9. Già che ci siamo, prima di fissare i nastri alla torta, aggiungerne un ottavo.

Torta di pannolini fatta a mano - Handmade Diaper cake
10. Creare i fiori in gomma crepla, tagliandoli e modellandoli a mano con il calore per dare loro la forma desiderata. Perdere più tempo per scegliere la forma e la disposizione delle foglie che per qualsiasi altra cosa, in modo che sia varia, ricca e bilanciata. Infine incollare le varie parti con la colla a caldo a discapito delle impronte digitali.

11. Chiedersi se a questo punto, avendo perduto le impronte digitali, non sia più redditizio darsi alla criminalità organizzata

Torta di pannolini fatta a mano - Handmade Diaper cake

12. Comprare una coroncina per il top, poi decidere che la si può fare più bella a mano e buttare la coroncina appena comprata. Rifiutare il terzo consiglio di qualcuno che passa di lì.

13. Decidere di decorare anche la coroncina con un fiore, e riattaccare la piastra e la colla a caldo che erano state appena staccate. Chiedersi se sia il caso di andare a comprare altro materiale.

14. Decidere che manca un tocco finale e ritagliare le stelline dorate da applicare qua e là dopo aver fatto, naturalmente, altre prove.

Torta di pannolini idea regalo - Diaper cake gift idea

15. Decidere che quello non fosse il tocco finale e riattaccare la piastra e la colla a caldo per fare anche i fiorellini più piccoli da appiccicare in cima alla coroncina come tocco finale finale.

16. Decidere che il tocco finale finale finale (il nome inizia a somigliare pericolosamente a un file di Photoshop) siano delle semiperline da applicare ai fiorellini più piccoli, ovviamente con prove di colori, perché TUTTI andranno a verificare la sfumatura delle perline all’interno dei fiori.

17. Rimirare l’opera completa, così affaticata che mamma che hai partorito SCANSATI, e impazzire per fotografarla con la giusta luce. Rifiutare il quarto consiglio di qualcuno che passa di lì.

Torta di pannolini fatta a mano - Handmade Diaper cake

18. Cercare di non uccidere quella che “che carina, mi insegni che la faccio per mia nipote che anche a me piacciono i lavoretti? Quanto costerà? Circa (inserire un prezzo che è la metà del valore reale)?”

19. Quando nessuno è nei paraggi, sfilare la coroncina e provarsela ringraziando graziosamente i sudditi.

Lettera a una bambina sulla lettura – Letter to a child about reading

Baby Bookshelf Gift Idea - Idea Regalo Libreria Bambini

Cara Cecilia,

ti scrivo questo biglietto, anche se non puoi ancora leggerlo, per dirti che non ti sto regalando un libro o una libreria a forma di casa delle bambole: ti sto regalando delle storie, un viaggio verso tutti i luoghi che vuoi vedere e le avventure che vuoi provare.

Ti sto regalando un giardino segreto da mostrare solo a chi vuoi, un moschettiere che ti difenda da chi ti farà i dispetti, un gatto simpatico e dispettoso che si proverà i tuoi stivali, un’isola piena di pirati che cantano con voce cavernosa e delle piccole donne che, come te, crescono.
Ti sto regalando una porta verso tanti mondi diversi, come in Narnia (anche se quello era un armadio), come nei Fluppys. E ti regalo un segreto: un libro fa anche passare il mal di pancia!
Rimane lì ad aspettarti dopo che hai finito di giocare con gli amici, e se qualche volta ci litighi, con gli amici, un libro ti dirà “non ti preoccupare, anch’io mi sento come te”.

E non ti preoccupare neanche se ti dicono di non rovinarli, i libri: non è vero (i tuoi però, non quelli degli altri). I libri vanno sottolineati, spostati, anche strappati se una parte proprio non ti piace –  però poi dovrai chiedere scusa, e sappi che non vale con i libri di scuola. Puoi prenderli e lasciarli e riprenderli più tardi, quando ne avrai voglia, e piegare gli angoli. Puoi saltare qualche pagina e rileggere la tua preferita anche dieci, cento volte! Puoi, infine, leggere dappertutto: in treno, in bagno, in biblioteca o mentre aspetti il tuo turno dal dottore, perché i tuoi libri preferiti, come i tuoi amici preferiti, ti seguono dappertutto, anche quando non li vedi.

E se ti diranno che leggere è importante, o che è noioso, o che bisogna leggere, ti dico un altro segreto: la verità è che leggere è bello! Se non mi credi, prova a prendere in mano Harry Potter, lui di magia se ne intende.

Un bacio,
i tuoi zii N. e F.

_____________________________________________________

Dear Cecilia,

I’m writing this note, even if you cannot read it, to tell you that I’m not giving you a book, or a dollhouse shaped bookcase: I’m giving you tales, a trip to all the places you want to see and adventures you want to try.

I’m giving you a secret garden for you to show only to those you want to, a musketeer who will defend you from bullies, a funny and mischievous cat that will try your boots on, an island full of pirates who sing in a cavernous voice and little women who, like you, are growing up.
I’m giving you a door to so many different worlds, as in Narnia (although that was a closet), as in The Fluppy Dogs. And I’ll give you a secret: a book also send away a stomachache!
It remains there, waiting for you to finish playing with your friends, and if sometimes you quarrel with them, a book will tell you “don’t worry, I feel like you.”

And don’t worry even if they tell you not to ruin them: it’s not true (yours, though, not those of others. Books should be highlighted, moved, you can even torn a page you just don’t like – but then you will need to say sorry, and know that it is not the case with school books. You can take them and leave them and resume them later, when you’ll feel like it, and fold the corners. You can skip a few pages and read your favorite even ten, or a hundred times! You can finally read everywhere: on the train, in the bathroom, in the library or while you wait your turn to the doctor, because your favorite books, such as your favorite friends, follow you everywhere, even when you don’t see them.

And if they tell you that reading is important, or that it is boring, or that you have to read, I’ll tell you another secret: the truth is that reading is beautiful! If you don’t believe me, try asking Harry Potter, he knows about magic.

A kiss,
your uncles N. and F.

Baby Bookshelf Gift Idea - Idea Regalo Libreria Bambini

Essere la madrina di Cecilia è stata una sorpresa che mi ha riempita di gioia, perché la sua è una bellissima famiglia che ha la felicità come traguardo quotidiano.

Being Cecilia’s Godmother has been a surprise that has filled me with joy, because hers is a wonderful family that has happiness as daily goal.

13569011_10209140742462988_4288426889905785715_o

Il suo battesimo è stato il più simpatico ed originale a cui io abbia assistito, con i festeggiamenti in una baita sul Monte Grappa e l’intimità che viene dagli spazi stretti in mezzo ad orizzonti ampi, e il calore della vicinanza e del buon vino.

Her Christening was the most likeable and original that I have witnessed, with the party being held in a lodge on Mountain Grappa and the intimacy that comes from tight spaces amid wide horizons, and the warmth that comes from the proximity and good wine.

13528049_10209065520702491_8763040910672624953_o

Naturalmente non ho saputo resistere e, quando mamma Laura mi ha chiesto di regalarle un libro, è diventato una libreria tutta da riempire, personalizzata da ghirlande e fiori creati a mano perché il tempo è sempre il regalo più grande che possiamo fare, soprattutto ai bambini. Per non smentirci, comunque, anche le sue bomboniere sono state un’esplosione di primavera per tutti!

Of course I could not resist, and when mom Laura asked me to give her a book, it became a library all to be filled, personalized with handmade garlands and flowers, because time is always the greatest gift we can give, especially to children. Obviously, her favors were also a Spring explosion for everyone!

Una cascata di fiori per un battesimo Una cascata di fiori per il battesimo di Ceciia

Per restare aggiornati sui miei lavori, non dimenticate di seguirmi su facebook, instagram o pinterest.

Don’t forget to follow me on facebook, instagram or pinterest to see my works!

Calendario 2017 da stampare, regali di Natale e buoni propositi

Calendario 2017 Printable - da stampare

E così eccomi qui, a spegnere le lucine e a cominciare un nuovo anno in ritardo, primo perché i giorni delle feste per me sono doppiamente giorni di feste, dato che comprendono il mio compleanno, il compleanno della metàmela ed anche di una serie di amici, poi perché ci siamo regalati una gita a Ravenna e dintorni per qualche giorno, e infine perché… quando sono tornata questo tempo tremendo aveva distrutto il cavo principale della mia wifi!

Anche quest’anno molti dei miei regali sono stati all’insegna della creazione artigianale, perché sono fermamente convinta che il dono principale che possiamo fare a qualcuno sia il nostro tempo, e anche perché sono fermamente convinta di fare degli oggetti carini, ehe. Ne trovate alcuni in una carrellata qui sotto, tra pantofole, segnalibri, spille, dischi orari, segnaposti e decorazioni per la porta.

Idea regalo pantofole fiori - Gift idea flowers slippers

Felt Cat bookmark - Segnalibro gatto in feltro
Disco orario idea regalo Natale - Parking disc gift idea for Christmas

Spille in materiali misti - idea regalo
Idee regalo per l'inverno

Handmade Christmas - Natale Handmade
Handmade Christmas - Natale Handmade

Segnaposto di Natale - block notes
Frida Kahlo felt brooch - Spilla feltro Frida Kahlo

Non ho fatto grandi propositi per il nuovo anno, se non quello di restare fedele a me stessa e di cercare di essere felice insieme a quelli che mi circondano. Ho capito che non diventerò mai metodica ed ordinata, che continuerò ad arrabbiarmi e a gioire per cose da nulla e a trovare il mio rito del tè un momento imprescindibile della mia giornata e che, a Natale, non conta tanto quello che c’è sotto l’albero, ma con chi l’hai addobbato.

Calendario 2017 Printable - da stampare

Il mio calendario per voi lo trovate a questo link ed è semplice, perché non tutti hanno delle stampanti supersoniche e cerco sempre di creare qualcosa che vada bene per tutti. Naturalmente c’è molto spazio per le note, perché spero abbiate molte cose da annotare nell’anno che verrà. Belle o brutte (più belle che brutte), ma l’importante non è tanto quello che arriva, ma cosa ne fate.

Un sereno 2017 a tutti voi.

Idee regalo di Natale.. e tag da stampare!

Christmas tags - Biglietti natalizi

La mia bucket list di Natale, come ogni anno, comincia con delle decorazioni artigianali per l’albero, una playlist non proprio natalizia (quest’anno molto Nick Cave, molto Tom Waits, molto Cohen e molti Mumford and Sons per cominciare) e delle tag per i vostri regali. Avete già deciso oppure come me iniziate a pensarci a Novembre per poi lasciar cadere la cosa e riprenderla di corsa a Dicembre inoltrato?

Siete di quei pochi esemplari che regalano (e leggono) libri? Ecco alcune idee per un regalo o – perché no – per una magica vigilia per tutte le età:

Tags natalizie da stampare

Il pianeta degli alberi di Natale di Rodari naturalmente, e poi come potevano mancare La storia infinita di Ende e Canto di Natale di Dickens? Per chi ha voglia di una magica e triste favola sommersa dalla neve, Il paese delle nevi di Kawabata, il primo premio nobel giapponese, e se poi avete bisogno di scaldarvi c’è il fumante Lo zen e la cerimonia del tè di Okakura. Per riflettere sui nostri valori concluderei con Marco Aurelio, perché ricorda che “Il valore di ciascuno è in stretto rapporto con il valore delle cose cui egli ha dato importanza”.

Tags natalizie da stampare

Qualsiasi regalo facciate, il mio regalo per voi sono queste simpatiche tag natalizie da stampare.

Tags natalizie da stampare

 Di ogni tipo e di ogni forma, per accontentare tutti!

Tags natalizie da stampareTags natalizie da stampare

Ed eccole qui:

Tag Natalizie da stampare - 1

Tag Natalizie da stampare - 2 Tag Natalizie da stampare - 3 E mi raccomando, ricordate di seguirmi su facebook, instagram e pinterest per ulteriori regali! Buon spirito del Natale presente a tutti!

Tags natalizie da stampare

Lettera d’amore agli sposi – A love letter to the bride and groom

Envelope wedding gift - Busta regalo matrimonio

Cara E.,
dato che, conoscendomi, non ho in programma di parlare al microfono al tuo matrimonio, ho pensato di scriverti in questa lettera il discorso che potrei fare.

Salve a tutti, sono N., amica e testimone della sposa. È stato un colpo di fulmine un pomeriggio di una decina d’anni fa, quindi posso dire di aver avuto anch’io una lunga storia con lei ormai, infatti ad un certo punto dei preparativi Elisa ha cambiato idea e mi ha incaricato di sostituire tutti i “M.” (nome dello sposo) del libretto con “N.”.
Mi risparmio tutta la parte sugli aneddoti e sulle frasi da Baci Perugina perché il fatto è che E. e M. il loro “per sempre” ce l’hanno già, è qui da qualche parte con un vestitino rosso, quindi non mi serve augurarglielo perché è già qui ed è bellissimo. Quello che posso augurare loro è il modo in cui arrivare a questo “per sempre” – e qui forse qualche Bacio Perugina ci scappa.

Vi auguro di tenervi spesso per mano, perché il più delle volte non è quello che si dice, ma quello che non si dice che conta. Di ridere, perché una risata fa respirare meglio, scuote via la polvere e vi permette di vedere la realtà più chiaramente. Di non badare troppo agli altri, perché su Facebook siamo tutti belli, felici e luccicanti, ma amare costa fatica, e quelli che sono più ricchi di noi hanno maggiordomi al posto degli amici.
Vi auguro che il vostro amore aumenti sempre. Come le tasse.
Vi auguro di ricordarvi di essere felici, quando guardate il mare, quando giocate con E., quando tornate a casa e accendete il fuoco nella stufa dopo una giornata pesante. Vi auguro, soprattutto in quelle giornate pesanti, di portare con voi il pensiero dell’altro, il cuore dell’altro, giorno dopo giorno, minuto dopo minuto, facendogli spazio con ostinazione anche quando non ne avrete voglia, scoprendo ad ogni stagione che passa un modo diverso di amarvi, perché le cose sono diverse da dentro – come il vestito da sposa che, prima di iniziare le prove, doveva essere liscio e in stile impero. E infatti.
Esiste una tecnica giapponese, il Kintsugi, che consiste nel riparare il vasellame rotto unendo i cocci con una resina mista a oro, argento o platino, dando delle venature preziose ai pezzi ricomposti e rappresentando così la vita, mai lineare, piena di ferite e spaccature. Non solo non c’è alcun tentativo di nascondere il danno, ma il Kintsugi, attraverso l’arte, ci dimostra che da una ferita risanata, dalla lenta riparazione conseguente a una rottura, può rinascere una forma di bellezza superiore, oltre che diversa ed unica. Vi auguro perciò che i segni che la vita vi imprimerà addosso abbiano un valore e un significato, rendendovi orgogliosi di voi stessi e del vostro rapporto.
E per concludere, il mio augurio è la frase che una moglie rivolge al marito in uno dei miei romanzi preferiti, Tenera è la Notte di Fitzgerald: “Pensa a quanto mi ami adesso. Non ti chiedo di amarmi sempre così, ma ti chiedo di ricordartelo. Da qualche parte, dentro di me, ci sarà sempre la persona che sono stasera.”
Congratulazioni, ragazzi, e se Dio non ve la manda buona, conquistatevela voi! Vi voglio bene.

Ti voglio bene.
N.

Envelope wedding gift - Busta regalo matrimonio

Dear E.,
given that, knowing me, I’m not planning to speak at the microphone at your wedding, I decided to write in this letter the speech that I would say.

Hi everyone, I’m N., friend of the bride and maid of honor. It was love at first sight one afternoon a decade ago, so I can say that I too have a long story with her now, in fact at one point of preparations E. changed his mind and asked me to replace all the “M.” (groom’s name) of the program with”N.”.
I save all the part on anecdotes and cheesy phrases because the fact is that E. and M. already have their “forever”, it’s here somewhere with a little red dress, so I do not need to whish them that, because it is already here and it’s beautiful. What I can wish them is the way they get to this “forever” – and here perhaps some there will be some cheesy parts.
I wish you to hold hands often, because most of the time it is not what you say, but what you don’t say that matters. To laugh, because laughter makes you breathe better, it shakes the dust off and enables you to see reality more clearly. I wish you not to care about others, because on Facebook we all are beautiful, happy and shiny, but love takes effort, and those who are richer than us have butlers instead of friends.
I wish that your love will keep rising. Like taxes.
I wish you to remeber to be happy, when you look at the sea, when you play with E., when you come home and turn on the fire in the stove after a tiring day. I wish you, above all in those heavy days, to bring with you the thought of your significant other, the heart of your significant other, day after day, minute after minute, making obstinately space for it, even when you don’t feel like it, discovering in every passing season a different way of loving each other, because things are different from the inside – like the wedding dress, that before going to the atelier had to be smooth and empire waist. Indeed.
There is a Japanese technique, Kintsugi, which is a way of repairing broken pottery combining the pieces with a resin mixed in gold, silver or platinum, giving a precious grain to the pieces back together, and representing life, never linear, full of wounds and rifts. Not only there is no attempt to hide the damage, but Kintsugi, through art, shows us that from a healed wound, from the slow repair resulting from a break, a higher form of beauty, as well as different and only, can be reborn. I therefore hope that the marks that life will give you will have a value and a meaning, making you proud of yourself and your relationship.
And finally, my wish is something that a wife says to her husband in one of my favorite novels, Fitzgerald’s Tender Is the Night: “Think how you love me”, she whispered. “I don’t ask you to love me always like this, but I ask you to remember. Somewhere inside me there’ll always be the person I am tonight.”
Congratulations, guys! I love you both.

I love you.
N.

Envelope wedding gift - Busta regalo matrimonio

Festa della mamma da stampare – Mother’s Day freebie

Festa della mamma - Mother's Day

Non so voi, ma con tutte le cose che ci sono da fare io mi prendo sempre all’ultimo momento. Ecco, se c’è qualcuna che si sente come me e deve ancora decidere che regalo fare, e magari non può prenderle nemmeno i classici cioccolatini per motivi di salute, almeno la spesa la farà con la primavera addosso!

Potete scaricare qui il file da stampare per prepararle questo simpatico notes primaverile. Io ho poi decorato il bordo in rilievo, per aggiungere un tocco più ricco. Qui trovate le istruzioni per questo facilissimo regalo, in un mio vecchio post.

Festa della mamma - Mother's Day

Vi è piaciuta anche la matita coordinata? Vorreste imparare a farla?

A plate of cheerfulness – Una piattata di allegria

Allegri portachiavi segnaposto - Happy keychain place holders

It’s been a while since Easter, but now I have the chance of writing a thought or two: I spent the day with my parents, Franklin, my brother, my sister-in-law and her parents. My mother and I prepared these cheerful felt keychains as place holders. At the end of Easter day my sister-in-law’s father told me: “It has been a lovely day, let’s hope we’ll be together next time too”. Time is running out, every single day. What can we do? Not much, but not going to bed angry, and learning to say thanks and I love you is a good step. I am a proud person, so saying “I love you” is, like, a step with Gagarin on the moon, but let’s start somewhere, maybe healing a little every day with play and laughter.

Pasqua è trascorsa da un po’, ma ora ho la possibilità di scrivere un pensiero o due: ho passato la giornata con i miei genitori, Franklin, mio fratello, mia cognata ed i suoi genitori. Mia madre ed io avevamo preparato questi allegri portachiavi in feltro come segnaposto. Alla fine della giornata di Pasqua il padre di mia cognata mi ha detto “E’ stato delizioso, speriamo di essere tutti insieme anche la prossima volta”. Il tempo scappa via, ogni singolo giorno. Cosa possiamo farci? Non molto, ma non andare a letto arrabbiati, ed imparare a dire grazie e ti voglio bene è già un passo avanti. Sono molto orgogliosa, perciò dire “Ti voglio bene” è una specie di passo con Gagarin sulla luna, ma bisogna pur cominciare da qualche parte, magari guarendo un po’ ogni giorno con gioco e risate.

Allegri portachiavi segnaposto - Happy keychain place holders
Facebook

Pinterest

St. Patrick’s Day accessories

St. Patrick's Day accessories

“Here on this island, then, live the only people in Europe that never set out to conquer, although they were conquered several times, by Danes, Normans, Englishmen – all they sent out was priests, monks, missionaries who, by way of this strange detour via Ireland, brought the spirit of Thebaic asceticism to Europe.”

H. Boll, Irish Journal

St. Patrick's Day accessoriesg

“Su quest’isola, dunque, abita l’unico popolo d’Europa che non ha mai intrapreso guerre di conquista: fu invece più volte conquistato, dai Danesi, dai Normanni, dagli Inglesi; inviò per il mondo soltanto preti, monaci, missionari che, dall’Irlanda – strana rotta fuori mano – portarono in Europa lo spirito ascetico della Tebaide.”
H. Boll – Diario d’Irlanda

St. Patrick's Day accessories

Tonight Franklin is back home from Milan, and singing at a St. Patrick’s Day party. I have created a felt shamrock pin for him, and the hearts clip for my hair. After drawing the templates I cut them on felt and then just tried different combinations until I was satisfied with the result. The needlework gives a refined flavor to everything, and it’s getting easier the more I try it, so I’m never going to abandon it!
If you like my work, remember to follow me on Pinterest and Facebook.

Questa sera Franklin torna da Milano e canta ad una festa di San Patrizio. Ho preparato una spilla a quadrifoglio per lui, e la clip a cuori per i miei capelli. Dopo aver disegnato i templates li ho tagliati su feltro e poi provato diverse combinazioni fino a sentirmi soddisfatta del risultato. Il bordo con ago e filo dà al tutto un senso di rifinito, e diventa sempre più facile man mano che mi esercito, perciò non lo abbandonerò mai più!
Se vi piacciono i miei lavori, ricordate di seguirmi su Pinterest e Facebook.

 

Felt mug cozy in a snow country – Morbidi copritazze nel paese delle nevi

Copritazza in feltro - Felt Mug Cozy

“In the depths of the mirror the evening landscape moved by, the mirror and the reflected figures like motion pictures superimposed one on the other. The figures and the background were unrelated, and yet the figures, transparent and intangible, and the background, dim in the gathering darkness, melted into a sort of symbolic world not of this world. Particularly when a light out in the mountains shone in the center of the girl’s face, Shimamura felt his chest rise at the inexpressible beauty of it.”
Kawabata, Snow Country

“Il finestrino cominciò ad appannarsi. Il paesaggio fuori era scuro e le figure dei viaggiatori vi galleggiavano in una mezza trasparenza. Di nuovo il gioco di quello specchio notturno. Il treno, probabilmente non più di tre o quattro vagoni antiquati, logori, sconquassati, non apparteneva allo stesso mondo dei treni che si trovavano sulle linee principali. Dentro la luce era fioca. Shimamura si abbandonò a fantasticare di essere salito su qualche convoglio irreale, di essere portato lontano senza una meta, fuori del tempo e dello spazio. Il suono monotono delle ruote divenne la voce della donna.”
Kawabata, Il paese delle nevi

Copritazza in feltro - Felt Mug Cozy

In a day like this, when you return home you need a good tea in your hands with a mug cozy to avoid burning yourself, cats and good reads.

In una giornata così, quando si torna a casa ci vuole un buon tè caldo da tenere fra le mani con un copritazza comodo per non scottarsi, gatti e buone letture.

Copritazza in feltro - Felt Mug Cozy

Pick your mug and create a paper template, something like this. Cut then the template on the felt, or wool, or fabric you want to use. Remember: if the fabric is thin, you wull need to double the layers. Add now all the decorations, I made sunflowers for mine and suspenders and bowtie for Franklin. You can open and close it whith velcro or a button.

Prendete la vostra tazza e create un template di carta, qualcosa del genere. Tagliate poi il template sul feltro, o la lana, o la stoffa che intendete usare. Ricordate che se il tessuto è sottile avrete bisogno di raddoppiare gli strati. Aggiungete ora le decorazioni, io ho fatto dei girasoli per il mio e farfallino e bretelle per Franklin. Per aprirlo e chiuderlo potete usare del velcro o un bottone.

Remember to follow my creations on facebook and pinterest.

Ricordate di seguire le mie creazioni su facebook e pinterest.